COMUNICATO NAZIONALE

 

Anna Massone Presidente Nazionale dell’associazione VOGLIO VIVERE dice:

“adesso basta alle inutili associazioni di consumatori.

 

1)                 AMGA A LUGLIO 2009 PORTA LA QUOTA FISSA DA 0,0821918 nel 2008 A 0,1463277 cioè un AUMENTO DEL  78 %. Al tutto si aggiunga la poca chiarezza della bolletta ove è necessario un commercialista per decifrarla.

 

2)                 SOCIETA’ AUTOSTRADE che per percorrere la tratta Genova - Spezia chiede oggi un importo pari a 9EURO, per non parlare di Genova – Imperia dove è ormai necessario fare un mutuo.

 

3)                 POSTE ITALIANE? Beh penso ci troppo da dire in quanto sotto gli occhi di tutti ogni giorno costi elevati, code infinite e disservizi. Qui mi limiterò ai soli costi di una raccomandata che è lievitata da 3,40 (cifra già elevatissima) a 3,90 (faccio notare che 40 centesimi equivalgono a 800 delle vecchie lire) e agli sportelli spingono per far fare la raccomandata prioritaria che ha costi iperbolici. Aumento inaccettabile DEL 300% per la tariffa delle caselle postali per il 2010.  Fino al 2009  costava 50 euro e per iscrivere qualcun altro del nucleo famigliare erano 25 euro in più, totale: 75 euro a partire da gennaio 2010 il prezzo di una casella "media" sale da 50 a 150 euro (300% di  aumento). 

 

Potrei andare avanti all’infinito: AMT, TIA, TELEFONIA, …………………………………… 

 

Anziché pensare a far ridurre o quantomeno non aumentare le tariffe ad AMGA, Società Autostrade, Enel, Poste Italiane, etc, una casta di associazioni fa invece accordi con le stesse per trarne solo vantaggi pubblicitari.

 

Nove associazioni (sotto ASSOUTENTI) stringono patto federativo facendo cartello e attuando accordi con le aziende ed ecco alcuni risultati: 

 

a)                 Società Autostrade si accorda e spedisce a casa degli utenti lettere sponsor dove illude i consumatori che con il Telepass avranno diritto a consulenza gratuite con CODACONS ( ma quali consulenze gratuite?);

b)                 Enel e Amga (ed altre aziende) fanno accordo per cedere alle associazioni dei consumatori 1 euro per ogni cliente (ma le aziende cosa ci guadagnano a dare e sponsorizzare certe associazioni dei consumatori?);

c)                  Poste Italiane sponsorizza, divulgando presso tutti i propri sportelli della Liguria, il giornalino che pubblicizza le associazioni sotto ASSOUTENTI, giornalino realizzato coi soldi dei cittadini tramite i finanziamenti regionali.

 

Conclude Anna Massone: “CHE DIRE? ADESSA BASTA OGNIUNO FACCIA SERIAMENTE IL PROPRIO MESTIERE E CHI DEVE DIFENDERE I CONSUMATORI DIFENDA I CONSUMATORI E NON LE AZIENDE.

 

Per quanto ci riguarda da tempo abbiamo dichiarato guerra a queste associazioni che parole ne fanno molte pubblicità pure, riuscendo a collezionare una montagna di risultati negativi per i poveri cittadini.

E poi molti gli sportelli in Liguria, si fa a gara a chi ne mette di più: più sportelli più finanziamenti Regionali. Peccato che non ci sia mai nessuno a ricevere, peccato che siano quasi tutti all’interno dei sindacati.”

 

L’associazione conta oltre 51.000 iscritti e più di 180.000 simpatizzanti che hanno aderito alle molteplici iniziative intraprese da Voglio Vivere... di Anna Massone  e sono in costante aumento.

 Responsabile Ufficio Stampa

Dott. Anna Fochi         Tel. +39 010 5958 259               

www.vogliovivere.it                         vogliovivere@vogliovivere.it